VISUALIZZATI DI RECENTE

Maria Montessori. Un design per la pedagogia
MOOD is a collection of “paper stories”, where the tangible surfaces, the signs, the feel, the colors, and the ability to compose and decompose all work together in order to explore the world of Maria Montessori in a new way with unique story-telling objects that are freely inspired by the Montessori philosophy.
Mood, about us, paper stories, surfaces, signs, feel, colors, maria montessori, objects, Montessori philosophy, inspiration, education, paper, montessori, method, chiaravalle, italy, unique, storytelling, shopping, shop, buy, ecommerce, beautiful, products, home, homepage,
16463
post-template-default,single,single-post,postid-16463,single-format-standard,bridge-core-1.0.4,cookies-not-set,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,side_area_uncovered_from_content,columns-4,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-18.0.9,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Maria Montessori. Un design per la pedagogia

“Maria Montessori. Un design per la pedagogia.”
Chiaravalle AN, 2007
Progetto selezionato e pubblicato nell’ADI Design Index 2008 per il Compasso d’Oro, sezione Visual Design.

Estratto dalla brochure del convegno internazionale di studi

“Un complesso quanto lineare sistema di segni grafici ed oggetti che, oltrepassando le geografie, le culture e i costumi specifici di ogni nazione, è un fondamentale strumento di apprendimento per i bambini di tutto il mondo ormai da un secolo.
Un corpus elaborato secondo quelli che ci appaiono oggi come criteri di design innovativo, costruito su un rapporto tra forma e funzione esatto e inequivocabile, progettato per durare nel tempo.
Questo è lo straordinario e moderno aspetto del materiale che Maria Montessori ha ideato e messo a servizio dell’educazione del bambino.
In occasione del centenario dalla fondazione della prima “Casa dei Bambini” a Roma, si propone un momento di alto confronto tra due mondi: quello del design e quello della pedagogia, nella convinzione che la Montessori avesse già colto, all’inizio del secolo scorso, l’importanza della comunicazione applicata al metodo.
Una riflessione sulla figura di Maria Montessori quale pedagogista consapevole creatrice di un “linguaggio visivo”, esemplare per contemporaneità ed efficacia.
Il design dei materiali montessoriani, “attraente” per i bambini oggi come cento anni fa, testimonia e sottolinea una visione di straordinaria ampiezza.
Questo appuntamento nella sua città natale vuole essere uno stimolo per rinnovare e ampliare la lettura del lavoro di Maria Montessori, una grande scienziata che nel pensiero pedagogico ha saputo comprendere, in modo profondo, idee sulla società, sulla parità ed il rispetto fra le persone che l’hanno portata alla candidatura al Nobel per la pace.”


Ideazione e progettazione evento
Roberta Manzotti / RossodiGrana Design per la comunicazione

Lucio Lombardi / Fondazione Chiaravalle Montessori

Coordinamento Scientifico
Pino Grimaldi

Lucio Lombardi

Comitato Scientifico
Giovanni Anceschi – Università di Venezia
Piero Crispiani – Università di Macerata, Presidente Fiped
Elio Damiano – Università di Parma
Marco Paolo Della Biancia – Pedagogista Fiped
Giancarlo Galeazzi – Università di Urbino, Opera Nazionale Montessori
Pino Grimaldi – Seconda Università di Napoli
Lucio Lombardi – Direttore Fondazione Chiaravalle
Pasquale Moliterni – Università IUSM – Roma IV

Silvana Quattrocchi Montanaro – Istituto Superiore di Ricerca e Formazione Montessori Opera Nazionale Montessori
Rosa Ragni – Dirigente Scolastico